May 8, 2019

October 25, 2018

October 12, 2017

August 30, 2017

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Il dito "insaccato". Guarisce da solo?


Si tratta di una contusione ad un dito che provoca forte dolore, edema (gonfiore) e può manifestarsi anche con un versamento di sangue con una colorazione bluastra. Se il trauma è particolarmente grave il dito può apparire deviato lateralmente, e spesso è lo sportivo stesso che lo “riallinea” manualmente.
Naturalmente è un trauma che non va assolutamente sottovalutato, che non guarisce in tempi rapidi e, se non curato adeguatamente, può portare conseguenze funzionali anche gravi.

Le articolazioni più a rischio sono le Interfalangee prossimali delle dita lunghe. 
Nei traumi lievi, ghiaccio e qualche giorno di riposo sono sufficienti per ritornare a giocare e, se necessario, è consigliato unire le dita (sindattilia) con un cerotto anelastico (tape). 
Quando, invece, il trauma è più importante ed il dito appare particolarmente dolente, gonfio e bluastro, è importante una corretta diagnosi da parte di un Chirurgo della Mano, medico specialista per diagnosticare questi traumi. Una semplice radiografia è utilissima per escludere eventuali fratture o gravi lesioni legamentose che “strappano” un piccolo angolo d’osso.
Il trattamento varia a seconda della gravità della lesione, dei tessuti coinvolti e se lo sportivo è un professionista o dilettante.
Il Terapista della Mano, in équipe col chirurgo, deciderà poi il tipo di immobilizzazione ed il trattamento riabilitativo.
“Nella fase dell’immobilizzazione che, in base al tipo di lesione può avere tempi differenti, non vengono utilizzate “stecche” per bloccare le dita ma tutori modellati direttamente sul paziente e facilmente removibili. Possono immobilizzare selettivamente l’articolazione coinvolta o possono proteggerne solo alcuni movimenti.
Se necessario, dopo la fase di parziale immobilizzazione, seguirà della riabilitazione per ripristinare tutti i possibili movimenti”.

E’ quindi importante non sottovalutare mai un trauma di questo tipo, per evitare di arrivare dal Chirurgo dopo qualche mese con un dito gonfio e poco mobile adducendo la motivazione che spesso si sente in ambulatorio: “Era solo un dito insaccato”

 

Tags:

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square